ULTIM'ORA

Il Città di Siracusa piazza il tris a Vibo Valentia. Al “Razza” i riflettori si spengono sul 3-0


città di siracusaNews Siracusa: una vittoria che convince. Con un secco 3-0 il Città di Siracusa batte la Vibonese e non perde il contatto con la testa della classifica, rimanendo a -4 dalla capolista Frattese che vanta dalla sua una partita giocata in più.

In occasione della trasferta al “Razza”, caratterizzata da un clima rigido con tanto di nevicata,  Andrea Sottil cambia qualcosa dal punto di vista tattico: debutto tra i pali per D’Alessandro, ritorno in mediana dal primo minuto per Spinelli e, vista l’assenza dello squalificato Vindigni, difesa centrale affidata a Orefice e Chiavaro.

Il match parte bene per il Città di Siracusa che passa in vantaggio dopo neppure un minuto con Arena che di testa sorprende la difesa calabrese. Gli uomini di Di Maria cercano di reagire ma è sempre la squadra azzurra a farsi trovare pronta con rapide ripartenze che mettono in allarme la retroguardia avversaria. Al 24′ punizione dal limite calciata da Cosenza ma D’alessandro è reattivo. Al 37′ è pericoloso Chiavaro su calcio piazzato e, due minuti dopo, il portiere azzurro D’Alessandro non si fa sorprendere su una conclusione dalla lunga distanza di Da Dalt.

Su un tentativo di Allegretti nei primi minuti della ripresa D’Alessandro si fa trovare ancora pronto. Al 52′, Di Maria mette dentro Saraniti al posto di Scoppetta per un assetto più offensivo. Al 54′ un cross di Baiocco non trova alla conclusione Catania e un minuto dopo un disimpegno errato di Spinelli permette a Da Dalt di calciare in porta, ma il tiro va alto sopra la traversa.

Al 58′ Vibonese in dieci per il doppio giallo a Manzo. Dopo tre minuti due buone ripartenze degli azzurri non vengono concretizzate prima da Arena, e poi da Catania. Al 63′ dentro Gallon per Arena e al 66′ arriva il raddoppio grazie ad un tiro di giustezza di Dezai che beffa Parisi. L’ivoriano lascia poi il campo cedendo il posto a Palermo, rispolverato dopo un lungo periodo. C’è tempo anche per il ritorno al gol di Catania che al 84′ chiude definitivamente i conti. A fine gara festeggiamenti per gli azzurri con i tifosi, ancora una volta valore aggiunto per il team di mister Sottil.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: