ULTIM'ORA

Il 18 e il 19 maggio a Siracusa si parlerà di “Problematiche infettive nel paziente immunocompromesso”


Villa Politi Siracusa Times

Villa Politi

News Siracusa: promuovere comportamenti virtuosi nell’implementazione di una corretta gestione clinica e terapeutica delle infezioni nel paziente immunocompromesso, per prevenire lo sviluppo di resistenze che oggi rappresentano la sfida emergente più attuale.

E’ con questo obiettivo che l’Unità operativa Aids della Divisione Malattie infettive dell’ospedale “Umberto I” di Siracusa, in collaborazione con l’Associazione A.M.A. (Associazione Amici Malati Aids) e con il patrocinio dell’Asp di Siracusa e dell’Assessorato regionale alla Salute, ha organizzato per il 18 e 19 maggio 2016 a Siracusa nella sala conferenza del Grand Hotel “Villa Politi” il congresso sul tema: “Problematiche infettive nel paziente immunocompromesso”.

Il convegno, presieduto da Gaetano Scifo e Antonina Franco, rispettivamente direttore dell’Unità operativa Malattie Infettive e responsabile dell’Unità operativa Aids del nosocomio aretuseo, aprirà alle ore 11 con il saluto del direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta e con la proiezione del cortometraggio “Virus senza frontiere” curato dall’Associazione A.M.A., che esprime sotto il profilo psicologico la reazione del paziente al momento della comunicazione della diagnosi di infezione da HIV, le modalità di trasmissione del virus e i comportamenti ai fini della prevenzione.

Il convegno offrirà una panoramica a tutto campo sui temi che dominano la scena attuale dell’infettivologia con la partecipazione di opinion leader nazionali ed internazionali impegnati nella lotta alle malattie infettive tra cui Epatite, Hiv, Malattie sessualmente trasmesse. “Una posizione di rilievo è occupata dall’infezione da HIV/AIDS – spiega Antonina Francoun’epidemia letale anni fa ora tramutatasi in infezione cronica, con sopravvivenza pari a quella della popolazione generale grazie agli straordinari progressi della terapia antiretrovirale. L’esperienza mutuata da HIV ha rappresentato un’utile traccia per i recenti sviluppi in ambito diagnostico e farmacologico relativi al management delle infezioni da virus epatitici, dominato oggi dall’impiego dei farmaci antivirali diretti. Particolare attenzione verrà dedicata agli aspetti epidemiologici, in particolare riconoscendo il fattore sessuale come prevalente nella trasmissione di queste infezioni”.

Nella seconda giornata verrà affrontato il problema dell’antibiotico terapia e dell’antibiotico resistenza per i germi multiresistenti con una visione della problematica sul piano locale e regionale. Un rappresentante dell’Istituto Zooprofilattico di Palermo, tra gli altri, spiegherà come l’antibiotico resistenza risenta dell’alimentazione. Il convegno tratterà anche un tema di crescente attualità, le infezioni nosocomiali gravi sostenute da batteri e miceti antibiotico-resistenti, e verranno indagati ed approfonditi i fattori che sostengono la resistenza. Il convegno è rivolto a medici, biologi clinici e farmacisti.

Responsabili scientifici del congresso sono Antonella D’Arminio Monforte dell’Unità Malattie Infettive e Tropicali dell’Azienda ospedaliera Polo Universitario San Paolo di Milano, Cristina Mussini dell’Università di Modena e Reggio Emilia e direttore della Clinica delle Malattie Infettive e Tropicali dell’Azienda ospedaliera universitaria Policlinico di Modena e Chiara Iaria dell’Unità operativa Malattie infettive dell’Arnas Ospedale Civico di Palermo.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: