ULTIM'ORA

I sindaci della Provincia di Siracusa aderiscono alla Rete Civica della Salute


Asp Siracusa Times

Un momento dell’incontro di stamattina

News Siracusa:  questa mattina i sindaci dei Comuni della provincia di Siracusa hanno sottoscritto con l’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa l’accordo di collaborazione per lo sviluppo della “Rete civica della Salute”, istituita in Sicilia dall’Assessorato regionale alla Sanità.

La Rete civica della Salute è uno strumento informatizzato per l’interscambio di informazioni tra operatori sanitari, pazienti, istituzioni e cittadini volto al miglioramento complessivo del sistema sanitario regionale.

All’incontro con sindaci, assessori e rappresentanti delle Amministrazioni comunali, presieduto dal direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta, hanno partecipato il presidente della conferenza dei Comitati consultivi delle Aziende sanitarie Pieremilio Vasta, il presidente del Comitato consultivo dell’Asp di Siracusa Pierfrancesco Rizza e la referente della Rete civica della salute per l’Asp di Siracusa Lavinia Lo Curzio.

“Con l’istituzione della Rete –  dichiara il direttore generale Salvatore Brugalettacambia la musicalità nei rapporti tra il cittadino e il sistema sanitario con uno scambio diretto di informazioni sia in entrata sia in uscita. La sensibilità riscontrata nei sindaci conferma l’importanza di rendere operativo un nuovo modo di comunicare con un percorso che avvicina ancora di più alla Istituzione il cittadino con i suoi bisogni di salute”.

Ad illustrare la Rete, le finalità e le modalità di adesione è stata la referente per l’Asp di Siracusa Lavinia Lo Curzio:

“Le azioni messe in campo per l’implementazione della Rete da parte dell’Asp di Siracusa – dichiara Lo Curzio – hanno già visto l’istituzione del Team work per lo sviluppo delle attività della Rete e la sottoscrizione delle prime partecipazioni degli Ordini professionali degli Assistenti sociali, dei medici, degli Odontoiatri e del Collegio Ipasvi.

Per lo sviluppo della Rete è stata prevista la stipula di accordi di collaborazione con partners istituzionali quali Comuni, Uffici scolastici territoriali, Università, Anci Sicilia, Cefpas, Ordini professionali sanitari e sociali, Centri Servizi volontariato, Protezione civile, Seus 118 per collaborare alla individuazione, attraverso avvisi, manifestazioni pubbliche e campagne pubblicitarie, dei componenti la Rete, denominati “Riferimenti civici della Salute”.

Le informazioni possono essere richieste alla segretaria del Comitato consultivo Giuseppina Salvo. Ogni Riferimento civico, per ottenere l’accreditamento, dovrà inserire nel portale 50 nominativi di suoi conoscenti, che confermeranno la partecipazione, con i rispettivi indirizzi mail, che saranno cosiddetti “cittadini informati”.

E’ già iniziato il reclutamento in Sicilia di duemila Riferimenti Civici con l’obiettivo di raggiungere entro il 2015 i primi centomila Cittadini organicamente informati. Tutti gli interscambi tra i riferimenti civici e il sistema sanitario e viceversa avverranno esclusivamente via mail e avranno l’obiettivo di favorire un approccio globale di promozione della salute, migliorando l’adesione ed una maggiore consapevolezza nel cittadino di quali e quanti servizi sono disponibili sul territorio, per raccogliere una domanda di salute in modo più differenziato ed efficace”.

© Riproduzione riservata



Articoli correlati: