ULTIM'ORA

Frase shock su Rai Uno: gli stupri di Colonia paragonati alle “porcate dei maschi siciliani”


News Sicilia: insultati, umiliati, additati come mostri in diretta tv. Direttamente dal salotto della celebre trasmissione Uno Mattina targata “Mamma Rai“, Carlo Panella, scrittore e giornalista, paragona le aggressioni e gli stupri alle donne tedesche durante la notte di Capodanno in Colonia “alle porcate dei maschi siciliani”.

Sono parole violente e meschine che destano indignazione, risentimento e rabbia. E’ ancora possibile sprofondare in quel misero luogo comune del meridionale nullafacente, disonesto e malavitoso?

Evidentemente sì.

“Dietro Colonia c’è la dinamica del branco, un gruppo di maschi ubriachi, testosterone, che fanno le porcate che facevano i maschi in Sicilia e che forse fanno ancora oggi”. Dietro un’asserzione, Panella cela, nemmeno poi così velatamente, illazioni sul maschio siciliano. Un delirio da condannare ad unanimità e senza remore.

Ieri mattina Sicilia Nazione, movimento nazionalista ed indipendentista, ha persino presentato un esposto alla Commissione di Vigilanza Rai contro le “frasi razziste” pronunciate dal giornalista nel corso del proprio intervento in trasmissione mentre il movimento Siciliani liberi fondato Massimo Costa, ha intimato le scuse pubbliche dell’emittente televisiva nazionale, più matrigna che mamma in questa occasione, a tutti i siciliani all’ascolto.

Tra l’altro, anche i movimenti nazionalisti e indipendentisti Movimento per l’indipendenza della Sicilia (Mis) e Fronte Nazionale Siciliano hanno deciso di coordinare, insieme a Sicilia Nazione, una manifestazione di protesta  già per sabato 23 gennaio.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: