ULTIM'ORA

Francofonte, valorizzazione dell’arancia rossa di Sicilia. Palermo: “fornire strumenti innovativi ai produttori per ottimizzare le vendite”


arancia rossa siracusa times

News Francofonte: dopo l’incontro svoltosi lo scorso 10 Giugno presso l’aula consiliare tra i tecnici del settore e i produttori agrumicoli sulla valorizzazione dell’arancia rossa di Sicilia (Leggi qui), si continua ancora a parlare della questione.

“Il  problema legato all’arancia rossa è un punto base nella mia agenda politica amministrativa – ricorda il Sindaco, l’arch. Salvatore Palermo. Con i Sindaci dei paesi della Macrozona dell’arancia rossa abbiamo anche  firmato un documento unico concernente lo stato di crisi del comparto e lo abbiamo sottoposto alla commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. L’incontro con il Consorzio di tutela IGP rientra nelle attività periodiche di convegni per pubblicizzare le forme di associazionismo e fornire strumenti innovativi ai produttori al fine di ottimizzare le vendite di agrumi. Giornalmente siamo in contatto con le Amministrazioni dei Comuni con cui condividiamo la peculiarità  della produzione di agrumi, per fare rete e capire quali siano le scelte da adottare per una strategia di sistema che non riguarda solo la nostra economia locale”.

“L’incontro con i rappresentanti del consorzio di tutela dell’arancia rossa di Sicilia IGP  rappresenta un importante opportunità di associazionismo per i nostri produttori locali. Senza scendere nei dettagli tecnici dell’adesione, l ‘importanza del marchi IGP ha una valenza  notevole nelle negoziazioni tra i produttori associati e le grandi catene  di distribuzioni nazionali – ha dichiarato invece l’Assessore all’agricoltura, il Dott. Francesco la Rocca. Oggi il made in Sicily è un marchio nel settore enogastronomico conosciuto in tutto il mondo, questo   per far capire l‘importanza del brand “Sicilia” all’interno dei mercati di riferimento. Sicuramente il problema del settore agrumicolo è di difficile soluzione, ma è compito dell’Amministrazione informare i produttori, attraverso convegni e seminari periodici, sugli strumenti legislativi esistenti che possano consentire  alle aziende agricole locali, di innescare processi di innovazione che permettano di ottimizzare le vendite di un bene unico nel panorama nazionale come la nostra arancia tarocco”.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: