ULTIM'ORA

Francofonte, estorsione e di detenzione abusiva di armi: rimane in carcere un 21enne pregiudicato


Lebel-RevolverNews Augusta: i Carabinieri, nel pomeriggio di ieri, hanno notificato un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare in carcere per il reato di estorsione emessa dal Tribunale di Siracusa nei confronti di Giovanni Di Benedetto 21enne, di Francofonte, operaio, pregiudicato, in atto ristretto presso la casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa per i reati inerenti alle armi.

Lo scorso 8 agosto, a seguito di una perquisizione domiciliare effettuata dai Carabinieri di Francofonte oltre a rinvenire nel mansardato dell’abitazione delle piantine di marijuana, rinvenivano, inoltre, 2 pistole calibro 8, nonché 4 cartucce calibro 12 da caccia occultate all’interno di un intercapedine ricavato tra l’intelaiatura superiore in legno di una porta-finestra (leggi qui). A seguito di quell’arresto era stato trattenuto presso il carcere Cavadonna di Siracusa dove di qui a poco, alla scadenza dei termini di custodia cautelare, sarebbe uscito tornando agli arresti domiciliari. Arresti domiciliari che già aveva scontato a seguito di un ulteriore arresto nel 2015 per estorsione. Proprio in quell’occasione, però, il Di Benedetto aveva violato il regime di arresti domiciliari, sorpreso in diverse occasioni fuori dalla sua abitazione. Per questo motivo, considerata la pericolosità sociale del soggetto e gli eventi antigiuridici che ha posto consecutivamente in essere nell’ultimo recente, l’aliquota operativa dei Carabinieri di Augusta ha chiesto l’aggravamento della misura cautelare in carcere per il reato di estorsione e di detenzione abusiva di armi notificata nella giornata di ieri a seguito d’ordine da parte della Autorità Giudiziaria di Siracusa.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: