ULTIM'ORA

Floridia, sorpresi a rubare quasi una tonnellata di limoni: arrestati dai Carabinieri


News Floridia: affermatasi come una delle colonne portanti dell’economia agricola della Provincia, la produzione di limoni, è spesso presa di mira da episodi delittuosi. Il furto dei limoni, sebbene sottovalutato dall’opinione pubblica, è un fenomeno in continua crescita che causa ingenti danni agli imprenditori agricoli e favorisce così il mercato nero. La tematica ha una valenza ancora maggiore soprattutto nella provincia di Siracusa, dove l’economia agricola è fatta per una grossa fetta del commercio di questi pregiatissimi agrumi.

I Carabinieri della Provincia di Siracusa, da tempo hanno messo in campo strategie atte alla prevenzione e repressione di detti furti, infatti, dall’inizio del 2017 sono state tratte in arresto oltre 40 persone e sequestrato oltre 8000 chili di agrumi.

Nella nottata di ieri a Floridia, in contrada Cifali, sono stati colti in flagranza di reato due uomini e una donna con un bottino di quasi una tonnellata di limoni. I soggetti, identificati in R. S., classe ’87, M. D., classe ’92, e F. C. P., classe ’86, tutti floridiani, disoccupati, pregiudicati e non nuovi a questa attività criminosa. I tre, approfittando del buio della notte, si sono introdotti all’interno del terreno di un’azienda agricola ed hanno iniziato a raccogliere i preziosi agrumi stipandoli in diversi sacchi di juta.

Il proprietario, tuttavia, uditi rumori sospetti provenire dalle coltivazioni si è avvicinato ed ha sorpreso i malfattori in flagranza. I tre soggetti si sono quindi dati alla fuga per le campagne circostanti ma sono stati bloccati e arrestati poco dopo dai Carabinieri, già allertati dalla vittima.

La refurtiva sequestrata è stata poi restituita al legittimo proprietario mentre gli arrestati sono stati condotti presso i locali della Tenenza di Floridia per le incombenze di rito e sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Siracusa.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: