ULTIM'ORA

Finali under 16: Albatro generoso, ma non basta


albatro under 16 a follonica

News Siracusa: “Più di così, non potevamo fare. I miei ragazzi sono stati bravi”. Gigi Rudilosso è soddisfatto. Alle finali nazionali under 16 di Follonica, l’Albatro Siracusa, campione regionale, ha perso le cinque partite del girone eliminatorio ma, a parte la prima contro il Pressano, nelle altre ha dato filo da torcere ad avversari comunque superiori. “Il calendario – spiega il tecnico Gigi Rudilosso – ci ha subito opposto alla squadra che avrebbe poi vinto il titolo nazionale. Pressano era di un altro pianeta non solo rispetto a noi ma anche alle altre squadre del girone. Basti pensare che, se a noi ha inferto 21 gol di scarto, anche contro Trieste ha vinto abbastanza nettamente e questo la dice lunga sulla forza degli alto atesini. Nelle altre gare abbiamo lottato quasi alla pari con gli avversari, perdendo di 2 con Monteprandone, di 9 contro Modena e di 7 contro lo stesso Trieste in una partita in cui comunque ho dato spazio anche a chi aveva giocato meno. Teniamo conto inoltre – prosegue – che nell’organico dell’Albatro ci sono solo tre giocatori nati nel 1999, tutti gli altri sono under 14 e anche un anno di differenza incide in tornei di così importanti. La struttura fisica può fare la differenza in età adolescenziale. Pressano e altre compagini avevano in rosa elementi alti anche un metro e 80. Dei veri e propri marcantoni!”

A Follonica l’Albatro (che aveva vinto il titolo regionale un mese fa) ha dato il massimo, confrontandosi con il meglio della pallamano italiana. Il gap tra il movimento giovanile siciliano e quello delle altre aree italiane c’è ancora. “Stiamo lavorando per assottigliarlo – terminaRudilosso -. Il problema è che, non avendo la possibilità di confrontarci frequentemente con squadre più forti, restiamo indietro. Sarebbe da prendere in considerazione l’idea di disputare tornei di alto livello durante l’anno perché solo in questo modo si può sperare di ridurre le distanze. Mi rendo conto però che non è una cosa facile da mettere in pratica”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: