ULTIM'ORA

Cucina che vai… Natura che trovi: “pasta con le sarde”


Ed ecco il trionfo della cucina palermitana: un connubio d’ingredienti almeno inconsueto, per una pietanza armonica dal sapore deciso, gradevolissimo.

Occorrono i finocchietti di montagna, selvatici, fortemente aromatici. Lessatene 1 kg. in abbondante acqua appena salata. Scolateli in un colapasta, premendo con il dorso di un cucchiaio, in modo che rimangano piuttosto asciutti. Con la mezzaluna tritateli e metteteli da parte. In mezzo bicchiere d’olio fate imbiondire 2 cipolle finemente affettate e scioglietevi 3 filetti di acciughe sotto sale.

Diliscate le sarde, togliendo testa e coda, tagliatele a pezzi e fatele rosolare nel battuto di cipolla ed acciughe. Unite adesso i finocchietti, salate, pepate e lasciate cuocere per 5 minuti a fuoco dolce. Completate poi con 50 gr. di pinoli, 50 gr. di uva passolina, una bustina di zafferano. Nell’acqua dei finocchietti, cuocete 600 gr. di bucatini o bucati, toglieteli al dente e versateli nel tegame con la salsa. Mescolate energicamente, coprite il tegame e lasciate riposare per almeno 10 minuti. E’ ottima anche fredda. Poiché i “finocchietti selvatici” sono difficili da reperire fuori dall’Isola e, dall’altra parte, proprio essi costituiscono l’ingrediente fondamentale per una buona riuscita della pasta con le sarde.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: