ULTIM'ORA

Confcommercio Siracusa invita a votare “SI” per il Referendum del 17 aprile per fermare le trivellazioni in mare


referendum_trivelle_-_siracusatimesNews Siracusa: Come è noto, il prossimo 17 aprile i cittadini saranno chiamati alle urne per rispondere al quesito referendario che mette nella mani dei cittadini la possibilità di fermare le trivellazioni in mare. Occorre cancellare la norma che consente alle società petrolifere di poter cercare ed estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia marine dalle coste, senza limiti di tempo. Confcommercio Siracusa si espone con un invito al ‘SI’, netto e chiaro per fermare le trivelle, per difendere il nostro territorio, difendere il nostro mare e la nostra salute ma soprattutto per non rinunciare alla nostra sovranità di popolo che tra soli 5 giorni potrà far valere la propria posizione.

I cittadini esprimendo il ‘SI’ impediranno per il futuro il rinnovo delle concessioni. Confcommercio Siracusa, sostenendo le motivazioni dei Comitati “Vota ‘Si’ per fermare le trivelle”, ha preso formalmente posizione condividendo sulla propria pagina facebook le iniziative di comunicazione a sostegno del Sì.

«In un territorio come il nostro che dovrebbe vedere nel turismo il suo principale motore economico, – sostiene il Presidente di Confcommercio Siracusa Sandro Romano – le trivellazioni mettono a rischio i nostri mari, senza garantire particolari benefici economici che tanto sono stati sbandierati nelle ultime settimane dai sostenitori del NO o dell’astensione al voto per non raggiungere il quorum. In realtà le riserve di petrolio presenti nei nostri mari, non basterebbero a coprire il bisogno di 7 settimane e quelle di gas di 6 mesi. Non c’è quindi vantaggio per la comunità né tantomeno per la nostra isola e, per questa ragione, abbiamo deciso di impegnarci per far sapere ai cittadini quanto sia importante rispondere alla chiamata alle urne del 17 prossimo venturo. Il nostro vero petrolio è rappresentato dalla bellezza del nostro mare a cuore anche dei tanti operatori balneari, dalla cura della nostra isola preziosa meta turistica, dalla biodiversità dell’ecosistema marino, dalla pesca che si trasforma nella proposta di eccellenza gastronomica degli operatori della ristorazione della nostra provincia, e dal sorriso della gente di mare».

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: