ULTIM'ORA

CNA Marzamemi: “un palco fuori luogo in piazzetta lungomare Starrabba”


News Marzamemi: “Negli ultimi anni Marzamemi è diventata una delle mete turistiche più gettonate – dichiara Angela Marchese, presidente della CNA di Marzamemi e titolare di un ristorante proprio nel cuore del borgo – e io come imprenditrice locale sono una di quelle persone che si impegna a rendere speciale la vacanza di chi arriva sul nostro territorio, nel rispetto della cultura e delle tradizioni, con la nostra cucina che esalta i sapori dei prodotti tipici”.

“Considerata la stagione appena iniziata – continua– la maggior parte delle presenze, e quindi degli incassi, nel settore della ristorazione a Marzamemi avvengono ancora nel classico weekend, periodo nel quale gli spostamenti anche dalle città confinanti diventano più facili”.

“Eppure – prosegue Marchese – questa semplice constatazione sembra sfuggire ai nostri amministratori che hanno deciso di autorizzare l’installazione in piazzetta lungomare Starrabba di un palco destinato alle esibizioni delle scuole di danza del Paese, per ben due serate, proprio davanti al mio locale, inibendo di fatto l’utilizzo degli spazi esterni e costringendomi ad una chiusura forzata. Oltre al danno poi si aggiunge la beffa dei giorni scelti, ovviamente un sabato e una domenica che, seppur non contigui, rappresentano in sostanza i giorni con la massima affluenza media nel locale”.

“Pur non pensando minimamente di bloccare la bella manifestazione sportiva dedicata ai nostri giovani ballerini – conclude la presidente Marchese – è evidente che con un po’ di sano buon senso la situazione potrebbe essere sistemata, ad esempio scegliendo altri giorni da dedicare allo spettacolo, un altro luogo o finanche un orario più consono, in linea con le direttive valide per il resto del centro storico di Marzamemi (di cui piazzetta Starrabba fa parte), che prevedono l’avvio di serate con intrattenimento musicale soltanto dopo la mezzanotte. Soluzioni semplici che giriamo, se gradite, al sindaco di Pachino, affinché ne faccia buon uso anche per il futuro, provando a salvaguardare sia gli interessi legittimi di chi propone offerte di intrattenimento sia quelle, altrettanto sacrosante, degli imprenditori del territorio”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: