ULTIM'ORA

Carlentini, Pancari – Mandolfo – Cardillo: “la ‘ZONA A’ del Comune continua ad ingessare privati, tecnici e imprese artigiane”


carlentini siracusa times

News Carlentini: “nulla si muove a Carlentini e tutto è fermo in relazione al piano regolatore generale che in maniera assurda anni fa ha inglobato in Zona A interi quartieri che nulla hanno a che fare con il pregio storico e culturale”: lo dichiarano Mario Pancari, Roberto Mandolfo e Carlo Cardillo del movimento politico – culturale Carlentini Protagonista ed esponenti del Nuovo Centro Destra, che ieri sera hanno incontrato un comitato spontaneo di artigiani edili e progettisti.

“Avere allargato la cintura della zona A dalla P.zza Diaz a P.zza Cavallotti verso Sud e verso Nord alla via Nazionale è stato un gravissimo errore delle precedenti amministrazioni all’attuale in carica del quale sino ad oggi si piangono le amare conseguenze con un mercato immobiliare paralizzato, fabbricati all’abbandono all’interno di quartieri divenuti residenziali con la ricostruzione post terremoto e sui quali sarebbe interessante intervenire adeguandoli allo skyline degli edifici limitrofi in ottica di pianificazione ed armonizzazione del centro urbano senza considerare la movimentazione dei risparmi privati che creerebbe un nuovo indotto che interesserebbe i progettisti, gli artigiani del settore edile ed i commercianti in un momento cosi’ drammatico di crisi occupazionale”.

“Sappiamo che il consiglio comunale puo’ prendere iniziativa in tal senso e che la problematica interessa la sovrintendenza ai beni culturali, per questo è necessario che sopralluoghi nel territorio interessato debbano necessariamente portare al restringimento di questa cintura alla zona circostante la Centrale P.zza Diaz.  Il nostro è un appello che vuole unire tutti i componenti del consiglio comunale e tutti i partiti politici perche’ insieme ed orientati dal bene comune che muove l’azione politica si metta definitivamente mano alla drammatica questione che riguarda la nostra città”.

“L’attuale Presidente del consiglio comunale Salvatore Genovese all’atto del suo insediamento ha lapidariamente indicato la questione della Zona A come tra le priorità che avrebbe dovuto affrontare il consiglio comunale, per questo – concludono – raccogliamo quella dichiarazione per fare in modo che cio’ avvenga ed avvenga presto convinti e sicuri che su una problematica che riguarda lo sviluppo della nostra’ citta’ e la crisi occupazionale non vi sono e non vi saranno contrapposizioni ne’ di natura politica e ne’ di natura partitica”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: