ULTIM'ORA

Canicattini, sorpreso mentre appicca un incendio: arrestato dai Carabinieri


TINE'-PASQUALINO-CL-1957-siracusa-times

Tinè Pasqualino, classe ’57

News Canicattini: nella giornata di ieri, Tinè Pasqualino, classe ’57 già noto alle forze dell’ordine per i suoi numerosi precedenti di Polizia ed in atto sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora, è stato tratto in arresto dai Carabinieri della locale Stazione in flagranza del reato di incendio doloso.

Nel dettaglio, alle ore 14.00 circa, i militari dell’Arma impegnati in servizio di perlustrazione sul territorio, transitando lungo la strada regionale numero 13 in contrada Bosco di Sopra, hanno notato un uomo accovacciato sul bordo della carreggiata che, dopo aver dato alle fiamme alcune sterpaglie e dei fogli di giornale trovati sul posto, si dava alla fuga a piedi lungo la via. Il pronto intervento dei Carabinieri ha permesso di bloccare l’uomo e di avvisare il personale della locale protezione civile per domare sul nascere l’incendio. Complice la presenza di parecchia erba secca e di una leggera ma costante brezza di vento caldo, le fiamme stavano infatti propagandosi rapidamente in direzione delle abitazioni, la prima delle quali distava non più di cinquanta metri dal punto dove Tinè aveva appiccato il fuoco

Condotto in caserma, l’uomo è stato dichiarato in stato di arresto e, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione al regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo presso il Tribunale di Siracusa.

Ma nella prima serata, i Carabinieri, recatisi presso l’abitazione dell’uomo per verificare se stesse rispettando la misura precautelare cui era stato sottoposto, ne constatavano l’assenza. Pertanto i militari si ponevano alla ricerca del Tinè rintracciandolo mentre si aggirava per il centro storico del paese dopo aver anche bevuto qualche bicchiere di vino di troppo. Tratto nuovamente in arrestato, l’uomo è stato associato presso la casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: