ULTIM'ORA

Canicattini Bagni, violenza sulle donne: una conferenza dei Carabinieri alla scuola “Da Vinci”


conferenza_canicattini_bagniNews Canicattini Bagni: nell’ambito delle molteplici iniziative promosse dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Siracusa, Col. Luigi Grasso, in occasione dell’8 marzo, giornata internazionale della donna, nel corso della mattinata odierna, a Canicattini Bagni, presso l’aula consiliare di via Principessa Jolanda nr. 51, il Comandante della Compagnia Carabinieri di Noto, Cap. Sabato Landi, ha incontrato gli studenti delle classi IV e V del locale liceo scientifico “L. Da Vinci” per un incontro su un tema attuale e molto delicato quale la violenza sulle donne, con particolare riguardo al reato di atti persecutori, meglio noto come stalking.

Un settore, quello della cosiddetta “violenza di genere”, in cui l’Arma dei Carabinieri è da sempre particolarmente impegnata con costanti rapporti con i centri antiviolenza presenti sul territorio e con la continua sensibilizzazione dei giovani nel corso di incontri analoghi a quello odierno che va ad inserirsi nell’ormai consolidato progetto di diffusione tra i ragazzi della cultura della legalità; un progetto di sensibilizzazione portato avanti dall’Arma in sinergia con gli Istituti Scolastici e che prevede una serie di lezioni, visite presso i reparti e dimostrazioni del personale specializzato al fine di avvicinare i più giovani al mondo della legalità, affrontando tematiche di ampio respiro oltre ad argomenti all’ordine del giorno al fine di incuriosire gli studenti e stimolarli ad avvicinarsi in maniera più diretta alla legalità.

Nel corso dell’incontro, dopo aver illustrato i dati statistici che delinenao un fenomeno in costante crescita per quanto concerne i reati denunciati, l’attenzione è stata focalizzata sull’art. 612 del codice penale, inquadrando la normativa di riferimento del reato di stalking, analizzandone la genesi da un punto di vista sociale e normativo e spiegando le conseguenze penali per l’autore di tale reato.

Particolare attenzione è stata altresì riservata alla vittima del reato, illustrando le possibili strade percorribili per affrontare il delicato problema, illustrando le potenzialità dei centri antiviolenza, rammentando l’esistenza del 1522, numero di pubblica utilità attivato dal 2006 dal Dipartimento per le Pari Opportunità e finalizzato a fornire un primo punto di contatto per le vittime di stalking.

Agli studenti, che da subito si sono dimostrati entusiasti dell’iniziativa partecipandovi attivamente e ponendo numerose domande, è stato infine illustrato un caso pratico con il quale si è riepilogato in maniera concreta un episodio di stalking, spiegandone l’iter procedurale dal momento della denuncia fino alla pronuncia della sentenza da parte del Giudice.

L’Arma dei Carabinieri, d’intesa con gli istituti d’istruzione del territorio, darà seguito per tutto l’anno scolastico a tali iniziative in tema di cultura della legalità.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: