ULTIM'ORA

Calcio Catania: Pulvirenti confessa “ho speso cento mila euro a gara per non retrocedere”


Pulvirenti Siracusa Times

Il Presidente del Calcio Catania, Antonino Pulvirenti

News Catania: è stato ascoltato, questa mattina, nel corso di un interrogatorio, dal procuratore della Repubblica di Catania, Giovanni Salvi, Antonino Pulvirenti in merito alla vicenda legata agli illeciti della società calcistica etnea.

Questa mattina, il numero uno del Catania ha ammesso di aver pagato centomila euro a gara per evitare la retrocessione in Lega Pro.

“Non ho scommesso, ho agito per salvare il Catania”, dichiara Pulvirenti.

Intanto lo scorso sabato, uno dei legali del Presidente ha consegnato alla Questura di Catania la licenza personale che permetteva alla società di disputare le gare del campionato di Serie B presso lo stadio “Angelo Massimino”.

Si è appreso, anche, che l’amministratore delegato, Pablo Cosentino terminerà il suo rapporto con il calcio Catania a partire dall’1 luglio, in quanto il contratto che lo lega alla società scadrà domani e non sarà rinnovato.

Quest’ultimo ha rigettato tutte le accuse affermando: “se questo fatto fosse vero sarebbe tutto l’opposto di quello che ho sempre fatto per il Catania – dichiara – non avrei fatto una campagna acquisti a gennaio dispendiosa per potenziare la squadra, sarebbe veramente tutto contro quello che era il mio obiettivo: fare un club forte per vincere il campionato. Se avessi tentato di comprare delle partite sarei stato un folle, e se Pulvirenti lo ha fatto è un folle”.

© Riproduzione riservata



Articoli correlati: