ULTIM'ORA

Avola. Hashish nascosta nel sedile dell’auto, arrestato dai Carabinieri


hashish_02News Avola: nel corso della notte i Carabinieri della Stazione di Avola hanno tratto in arresto in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti Gallo Francesco, avolese classe 1982, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia.

I Carabinieri, impegnati nel quotidiano servizio di controllo del territorio, stavano eseguendo un posto di controllo alla circolazione stradale quando hanno intimato l’alt ad una utilitaria con due giovani a bordo. Nel corso del controllo, nonostante i documenti di guida e circolazione fossero in regola, i due giovani sono apparsi stranamente agitanti ed insofferente nei confronti dei militari i quali, insospettiti da tale atteggiamento, hanno dato corso a perquisizione personale e veicolare conclusasi con esito positivo: occultato nel sedile lato passeggero dell’autovettura, si rinveniva una bustina di cellophane contenente 4 dosi di sostanza stupefacente del tipo hashish dal peso complessivo di circa 15 grammi nonché, nel cassettino porta oggetti del veicolo, il resto del materiale in plastica ed un coltellino sporco, il tutto utilizzato per confezionare in dosi lo stupefacente.

La successiva perquisizione domiciliare consentiva di rinvenire un bilancino elettronico di precisione. Inoltre, la passeggera del mezzo, R. V. classe 1991, consegnava spontaneamente ai Carabinieri ulteriori 3 dosi dello stesso stupefacente, dal peso complessivo di 10 grammi circa, che la stessa deteneva nella propria borsetta: la stessa è stato pertanto denunciata a piede libero per il reato di detenzione di sostanza stupefacente. Quanto rinvenuto nel corso delle operazioni di perquisizione è stato sottoposto a sequestro in attesa di esperire le analisi di laboratorio del caso.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione al regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo presso il Tribunale di Siracusa.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: