ULTIM'ORA

Augusta, manifestazione popolare contro lo “scippo” dell’autorità portuale: Assoporto aderisce


rsz_porto_augustaNews Augusta: un vero e proprio fronte comune per difendere la Port Authority del comune megarese. In quest’ottica i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil, rispettivamente Roberto Alosi, Paolo Sanzaro e Stefano Munafò, hanno indetto per la prossima settimana una manifestazione popolare invitando a partecipare cittadini, parlamentari, rappresentanti istituzionali e operatori economici.

“Non escludiamo – alza il tiro Roberto Alosi – l’eventualità di ulteriori e più incisive azioni a tutela del porto megarese. In ogni caso, quando parliamo di fare squadra, riteniamo che nella rosa dei giocatori titolari ci debbano essere anche i colossi del Petrolchimico siracusano, che operano nel porto megarese e che pertanto hanno interesse affinché la struttura non venga depotenziata. Proprio per questo riteniamo che la piena cooperazione mostrata dal presidente di Assoporto vada adeguatamente supportata da chi nel porto stesso lavora ed ha notevoli interessi commerciali”.

Difendere il porto di Augusta – spiega Paolo Sanzaro significa difendere una fetta ampia di economia di questa provincia. Noi siamo perché si apra un fronte comune contro questa decisione che svilisce e mortifica ulteriormente questo territorio. La politica non può pensare a scaricarsi responsabilità accusando ora questo e domani quell’altro. Tutti devono sentirsi responsabili di questo scippo, l’ennesimo purtroppo, e noi chiediamo uno scatto di orgoglio perché tutti insieme, in un senso alto di appartenenza si lavori per difendere questa provincia. Si inizi dall’attivarsi, da subito, per sbloccare quei progetti già finanziati e appaltati. Sarebbe questo il segno tangibile se si vuole lavorare perché Augusta, al di là delle semplici passerelle, venga salvata e valorizzata, e con essa i cittadini, i lavoratori e l’economia”.

“Concordiamo – dichiara Stefano Munafò – sul fatto che ieri sera ci sono state soprattutto passerelle politiche, con i deputati che si sono concentrati su questioni tecniche che né a noi né al territorio possono interessare. Per noi l’attenzione va solo sulla tutela dei posti di lavoro e sul rilancio dell’economia. Per questo occorre fare in modo che della questione si prenda coscienza, avviando la mobilitazione per sensibilizzare il territorio e la Regione. A tal fine riteniamo importante coinvolgere nel sit-in in programma, anche le imprese che operano nel porto, in quanto parti in causa. Solo così si può tutelare porto di Augusta”.

Favorevole alla manifestazione popolare anche il presidente di Assoporto AugustaMarina Noè che dichiara: “Condividiamo il messaggio dei sindacati Cgil, Cisl e Uil di indire una manifestazione popolare ad Augusta e confermiamo la nostra partecipazione alla mobilitazione cittadina, perchè questo esproprio istituzionale, sancito con un decreto del ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio che individua la sede dell’Asdp a Catania e non ad Augusta, unico porto “core” della Sicilia orientale è la “madre di tutte le battaglie”. Siamo certi – conclude Noè che si tratterà di una manifestazione unitaria di tutte le forze politiche, sociali ed economiche del territorio”.

Augusta, manifestazione popolare contro lo “scippo” dell’autorità portuale: Assoporto aderisce

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: