ULTIM'ORA

Augusta, precari al Comune, Munafò: “Ok le risorse dalla Regione ma non si equipari la situazione con Lentini”


Stefano Munafò Siracusa TimesNews Augusta: aveva lanciato un grido di allarme poche settimane fa perché la situazione dei precari del Comune di Augusta non può essere sottovalutata. Stefano Munafò, segretario generale territoriale della Uil Siracusa-Ragusa-Gela, torna sulla questione alla luce dell’intervento dell’On. Enzo Vinciullo, presidente della Commissione Bilancio e Programmazione all’Ars (“verranno stanziate ulteriori risorse per i precari dei Comuni in dissesto di Augusta e Lentini”).

“Il problema però a mio avviso è proprio questo. E cioè non considerare la questione uguale tanto a Lentini quanto ad Augusta. A Lentini si conta un solo precario rispetto agli 86 di Augusta – dice Munafò – per cui non si può parlare di un “caso Siracusa” che tocca due Comuni. Mi piacerebbe che questo tipo di situazione – ancora il segretario generale territoriale della Uil – venisse affrontato durante un tavolo tecnico fra istituzioni, politica e soggetti interessati”.

Dalla politica qualcosa si muove se è vero che lo stesso Vinciullo ha fatto sapere che l’Assemblea Regionale Siciliana onorerà gli impegni con i lavoratori perché le leggi vanne rispettate e nonostante i sindaci dei Comuni in dissesto non abbiano mai fatto pervenire alcuna richiesta di contribuzione o integrazione alla Commissione regionale al Bilancio.

“Per questo ritengo che il sindaco di Augusta debba essere investito della questione – ancora Munafò – e debba convocare un tavolo assieme alla politica, alle organizzazioni sindacali, al prefetto. Perché se ci sono ancora oggi delle perplessità, delle non condivisioni di ciò che si afferma da più parti, è giusto approfondire. Siamo ancora in tempo. Se è vero che ci sono risorse, cerchiamo di non perderle, così almeno non arriveremo impreparati quando ci si troverà con l’acqua alla gola. Dunque convochiamo una riunione con tutti i soggetti interessati perché questa è una questione prioritaria, parliamo di posti di lavoro e delle ricadute su tante famiglie”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: