ULTIM'ORA

Asp Siracusa, Medicina Trasfusionale: ottenuto l’accreditamento


ospedale

News Siracusa: si sono concluse all’Asp di Siracusa le operazioni di verifica e controllo previste dalla legge che regolano le attività di medicina trasfusionale a seguito dell’emanazione del decreto di autorizzazione ed accreditamento da parte dell’Assessorato regionale della Salute della Struttura Trasfusionale di Siracusa e delle sue articolazioni di Avola, Augusta, Lentini e Noto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale lo scorso 17 luglio.

“Un team di valutatori nazionali, formati dal Cento nazionale Sangue spiega il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta – ha ispezionato e valutato tutti i requisiti previsti e richiesti dall’Accordo Stato Regioni in accordo con le direttive europee in materia di sicurezza della donazione del sangue, di controllo della qualità degli emocomponenti, di tracciabilità della filiera trasfusionale e dei farmaci plasma derivati, quali l’albumina, le immunoglobuline ed i fattori della coagulazione, ottenuti dalla lavorazione industriale da parte delle officine farmaceutiche. Il controllo dei requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi richiesti per l’accreditamento ha interessato anche le unità di raccolta del sangue presenti negli ambiti territoriali assegnati all’Asp di Siracusa, gestite autonomamente dalle associazioni dei donatori volontari AVIS e FRATRES e dipendenti.

Il lungo percorso previsto per l’accreditamento, che ho condotto insieme con il direttore sanitario Anselmo Madeddu e con i direttori sanitari dei presidi ospedalieri Giuseppe D’Aquila, Alfio Spina e Rosario Di Lorenzoprosegue Brugaletta – è stato affrontato con estremo impegno da parte di tutti gli operatori ed ha comportato un carico aggiuntivo egregiamente sopportato, malgrado le grandi difficoltà nelle quali si muove la gestione dell’assistenza sanitaria.

Un particolare onere è stato sostenuto dai responsabili del sistema di gestione della qualità, Gaetano Puleo, Giuseppe Iapichello, Rosaria Caruso, coordinati da Corrada Bonaiuto e supportati da Edoardo Travali, che hanno curato tutti gli aspetti relativi alle qualificazioni delle apparecchiature, alla convalida dei processi ed alla revisione di tutte le istruzioni operative, nonché alla verifica della corretta applicazione e dell’esito finale dei processi operativi. All’ottimo risultato raggiunto ha dato un sostanziale contributo anche la scelta operata con l’individuazione di Riccardo Frazzetta che ha passato in esame tutta la parte documentale del sistema, nonché seguendo gli audit periodici e fornendo le indicazioni utili partendo dalla posizione privilegiata di osservatore esterno.

Il conseguimento dell’accreditamento apre la strada alla certificazione di qualità, da parte di un ente valutatore indipendente, quale ulteriore attestato di garanzia per la sicurezza e la qualità delle prestazioni trasfusionali rese dall’Asp di Siracusa. L’esito positivo della valutazione espressa dal gruppo valutatori coordinato dal team leader, Giusi Tancredi dell’Asp di Agrigento e formato da Concettina Rizzo dell’Asp di Caltanissetta e da Carmelo Busacca dell’Asp di Catania – prosegue il direttore generale Brugaletta –  rende merito a quanti sono stati protagonisti, nel corso degli anni, della crescita, del potenziamento e dello sviluppo organizzativo del sistema trasfusionale aziendale e rappresentata la prova della volontà pervicace della direzione aziendale di rispettare il patto per la salute in favore della comunità locale e di tutta la sanità siciliana, in piena coerenza con le linee di indirizzo e programmazione definite dall’ex assessore regionale della Salute Lucia Borsellino che ha fortemente voluto il percorso di miglioramento regionale anche in questo specifico ambito.

Un riconoscimento – conclude Brugaletta – per avere saputo condurre in porto il sistema di accreditamento del sistema trasfusionale regionale è, sicuramente, da attribuire al dirigente generale del Dipartimento per le attività sanitarie dell’Assessorato regionale Ignazio Tozzo; al Centro regionale sangue diretto da Attilio Mele, coadiuvato da Maria Ventura e dallo staff dell’unità operativa”.

“Il lusinghiero risultato – dichiara il direttore sanitario Anselmo Madedducostituisce, altresì, motivo di ulteriore impegno ed attenzione riguardo al settore trasfusionale al fine di garantire non solo il mantenimento degli standard raggiunti, ma anche un impegno continuo per raccogliere la sfida dei nuovi traguardi di medicina trasfusionale che prefigurano un mutamento organizzativo importante e sostanziale ed il potenziamento dei requisiti tecnologici e della dotazione organica, sia in termini di numero di addetti, sia in ordine alle nuove figure professionali richieste dalla moderna ed avanzata medicina trasfusionale”.

“Nell’esprimere gratitudine a tutto il personale SIMT ed alla Direzione generale per il sostegno assicurato – sottolinea il direttore del SIMT di Siracusa Dario Genovese –  tengo a sottolineare che il Sistema Trasfusionale aziendale, con le oltre ventiduemila donazioni di sangue e di emocomponenti prodotte, rientra tra le realtà autosufficienti della Sicilia e contribuisce, significativamente, al fabbisogno trasfusionale regionale garantendo anche le realtà carenti”.

© Riproduzione riservata



Articoli correlati: