ULTIM'ORA

Asp Siracusa, deliberato il nuovo atto aziendale. Brugaletta: “primo passo, certezze agli LSU”


SANITà - SIRACUSATIMES

immagine di repertorio

News Siracusa: il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Brugaletta ha deliberato il nuovo Atto Aziendale e la nuova Dotazione organica dell’Azienda sanitaria. Comincia così il nuovo percorso di assunzioni all’Asp di Siracusa come disposto dalle direttive assessoriali. “Il primo passo che abbiamo inteso percorrere – sottolinea il direttore generale Salvatore Brugaletta – riguarda la stabilizzazione del personale ex LSU, il cui percorso è stato tracciato in un incontro sindacale. La stabilizzazione dei contrattisti ex LSU rientra tra le “priorità” che l’Azienda sanitaria aveva già indicato al punto f) del documento di accompagnamento alla dotazione organica e all’Atto aziendale recentemente approvato col decreto assessoriale 214 del febbraio scorso. Ma se tutto questo è stato possibile lo si deve all’Assessorato regionale alla Salute che ha emanato le linee guida che ci hanno consentito di utilizzare le graduatorie già esistenti.

“Accanto all’assessorato alla Salute – continua Brugaletta – intendo ringraziare anche la deputazione regionale siracusana che è stata sempre molto attenta e sensibile a questa delicata problematica dal grande rilievo sociale oltre che gestionale, nonché tutte le organizzazioni sindacali che, insieme, hanno saputo favorire le condizioni migliori per il raggiungimento di questo importante traguardo”.

Il processo di stabilizzazione, come è noto, aveva avuto inizio qualche anno fa in virtù di una apposita norma, la legge regionale 24 del 2010. “Con una delibera del dicembre del 2012 – precisa il direttore sanitario Anselmo Madeddu – l’Azienda aveva così potuto varare il Piano pluriennale di stabilizzazione degli ex LSU ed aveva proceduto ad assumerne una prima parte fino a concorrenza dei posti disponibili. La svolta è intervenuta adesso, quando nella nuova dotazione organica approvataci dalla Regione, nel rispetto dei tetti di spesa e degli standard, si è provveduto a creare i nuovi posti necessari per il completamento del piano di stabilizzazione. Adesso, dunque, utilizzando la graduatoria già esistente, a far data dal prossimo 1 giugno è possibile stabilizzare a 36 ore tutto il personale ex LSU ancora precario. L’operazione, oltre a dare serenità ai nostri lavoratori precari, ci consente di potenziare alcuni settori nevralgici dell’azienda”.

“Grande soddisfazione anche da parte del direttore amministrativo Giuseppe Di Bella. “Si tratta di una forza lavoro – dice Di Bella – indispensabile alla nostra Azienda. Ed è per questo motivo che questo punto è stato individuato tra le priorità dell’Asp”.

 

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: