ULTIM'ORA

Anche a Siracusa l'”orchidea UNICEF 2016” per i bambini in pericolo


Locandina Siracusa Times (3)News Siracusa: anche Siracusa sarà una delle oltre 1600 piazze in tutta Italia in cui si propongono le orchidee UNICEF 2016 per i Bambini in Pericolo nel Mondo; sarà possibile acquistarle presso Largo XXV Luglio in Ortigia dove le Volontarie UNICEF saranno presenti dalle ore 9,30 alle ore 12,30 di sabato 30 aprile 2016.

Il consigliere nazionale Unicef Carmela Pace ha dato riferimenti sull’uso delle donazioni “I fondi raccolti con questa iniziativa verranno destinati direttamente all’obiettivo specifico di salvare la vita di decine di migliaia di bambini lavoratori, nell’ambito della Campagna UNICEF “BAMBINI IN PERICOLO” varata per sconfiggere questa grave piaga nel mondo. In particolare, i fondi raccolti nel 2016 verranno destinati ai programmi di Protezione dell’Infanzia, tenendo conto che in tutto il mondo 150 milioni di bambini tra i 5 e i 14 anni sono impiegati nel lavoro minorile. Queste stime si basano su dati provenienti da 102 Paesi. In Africa sub-sahariana più di 1/3 dei bambini lavora”.

Il presidente nazionale UNICEF Giacomo Guerrera dichiara che ”UNICEF lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile con programmi di sensibilizzazione, prevenzione e reinserimento scolastico o lavorativo per bambini lavoratori, ex-bambini soldato, bambini di strada, che prevedono orari flessibili, metodologie didattiche partecipative e un apprendimento che contempla competenze utili per la vita quotidiana e per la formazione professionale. A queste attività si affianca, spesso, il microcredito rivolto a nuclei familiari indigenti per avviare attività generatrici di reddito.”

Lino Banfi, uno dei più amati ambasciatori UNICEF, ha voluto dare il suo contributo per questa importante gara di solidarietà: “Ci sono milioni di bambini in pericolo. E’ ora di piantarla!”

La presidente del comitato provinciale Unicef Giuseppina Cannizzo invita la cittadinanza tutta ad essere solidale “per i Bambini e con i Bambini”.

© Riproduzione riservata


Articoli correlati: