ULTIM'ORA
Pubblicità elettorale - Committente Giancarlo Lo manto

A Lentini arriva “Junker” l’app che riconosce i rifiuti e indica dove buttarli


News Lentini: per facilitare la vita ai cittadini l’amministrazione comunale del Comune di Lentini ha adottato e messo a disposizione Junker, un servizio fruibile tramite APP (per smartphone android o apple) che riconosce con un solo clic quello che stiamo gettando e ci dice come fare secondo la normativa del nostro territorio. Tanto semplice da essere rivoluzionaria.

Come funziona: scansionando il codice a barre del prodotto o dell’imballaggio, Junker lo riconosce grazie ad un database interno di oltre 1 Milione di prodotti e ne indica la scomposizione nelle materie prime e i bidoni a cui sono destinati. Basti fare l’esempio delle buste di carta con finestra di plastica, oppure delle confezioni di caffè, delle bottiglie in pvc o materBi e via discorrendo.

Un database ‘in progress’ che viene aggiornato quotidianamente anche grazie al contributo degli utenti: se il prodotto scansionato non viene riconosciuto, l’utente può trasmettere alla app la foto del prodotto e ricevere la risposta in tempo reale, mentre la referenza viene aggiunta a quelle esistenti. Uno strumento innovativo perfettamente in linea con la filosofia delle smart cities.

JUNKER è a disposizione gratuitamente per tutti, e dà anche la possibilità al Comune di comunicarci molte altre informazioni: ubicazione dei punti di raccolta, percorsi, calendari del porta a porta, indicazioni per i rifiuti speciali, segnalazione degrado ecc., in tal modo si previene anche il rischio di sanzioni indesiderate.

Ma quali sono i vantaggi della raccolta differenziata e perché utilizzare questa App? Risponde Alessio Valenti, Assessore all’informatizzazione e all’ecologia del Comune di Lentini: “JUNKER nasce per ridurre la quantità di rifiuti destinati alle discariche a favore del riciclo delle materie prime di cui sono composti. Ma risultati significativi possono essere ottenuti solo grazie al coinvolgimento attivo dei cittadini, che, nell’era delle applicazioni in mobilità, non sono disposti a perdere tempo scorrendo elenchi infiniti o ragionando sulla possibile natura di un imballaggio per compiere un’azione semplice come gettare un rifiuto in un bidone. Ecco perché abbiamo adottato questo semplice servizio che identifica i prodotti e riconosce i materiali di imballaggio semplicemente inquadrando con la fotocamera dello smartphone il codice a barre del prodotto”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: