ULTIM'ORA

Siracusa. Italia interviene sul degrado dei siti culturali regionali


News Siracusa. Il vicesindaco e assessore alla Cultura, Francesco Italia non ci sta e replica alle dichiarazioni dei due consiglieri di opposizione Salvatore Sorbello e Concetta Vinci in merito alle condizioni di degrado del Parco Archeologico della Neapolis. (Leggi qui)

“I consiglieri Vinci e Sorbello – si legge in una nota del vicesindaco – fossero dilettanti allo sbaraglio e non provenissero da riconosciute e stimate esperienze politiche e professionali, si potrebbe legittimamente pensare che si tratti di un abbaglio.

Rifiuto, infatti, di credere che i consiglieri in questione non sappiano che l’amministrazione comunale, al di là della denuncia politica, non ha alcuna competenza amministrativa sulle aree gestite e amministrate dalla Regione Siciliana.

Probabilmente – prosegue Italia – non sarà nemmeno sfuggito che in più di quattro anni sullo stesso argomento non abbiamo mai lesinato, da un lato solidarietà ai funzionari locali, dall’altro forti critiche al governo regionale, fino ad arrivare alla richiesta di fine luglio 2017, di commissariare l’assessorato Regionale per manifesta incapacità/impossibilità di gestione.

Il danno subito dalla nostra città per il degrado in cui la Regione lascia il Parco della Neapolis, per la chiusura del Castello Eurialo e degli altri siti definiti “minori” come il tempio di Giove o il Ginnasio Romano è evidente e incalcolabile. E quindi? A cosa dobbiamo la sortita dei consiglieri nei confronti dell’amministrazione? Semplice strabismo o fumo negli occhi di chi legge distrattamente i titoli di giornale? Spero proprio di no, perché sarebbe sintomo di un pessimo tentativo di attirare attenzione in sfregio al rispetto che si deve ai cittadini siracusani.

Spero, allo stesso modo – prosegue l’assessore – che non sia sfuggito come l’assessorato alle politiche culturali del comune di Siracusa abbia, negli ultimi quattro anni, riaperto tutti i siti culturali di proprietà, ampliando l’offerta turistica, creando economia e lavoro, ospitando mostre prestigiose di caratura internazionale, riaperto dopo quasi sessant’anni il teatro comunale che, solo il primo anno, ha ospitato circa 50 eventi. La programmazione del 2018 è già in una fase molto avanzata, con appuntamenti di altissima qualità e interesse, come le mostre su Vittorini all’ex Convento di San Francesco (riaperto quest’anno con l’esposizione delle fotografie di Mckurry) e quella su Archimede – a cui sarà dedicato tutto il 2018 – ospitata a Montevergine a conclusione della pluripremiata mostra internazionale “La Porta dei Sacerdoti”.

Resta ancora tantissimo lavoro da fare per consolidare i risultati ottenuti e potenziarli. Servono lavoro di qualità e politica di qualità. Ci sono temi, come questo, su cui non ha alcun senso dividersi ma su cui possiamo e dobbiamo lavorare congiuntamente. L’auspicio per il futuro della nostra città – conclude Francesco Italia – è di riuscire a salvaguardare, promuovere e valorizzare ogni centimetro del nostro territorio, superando le distanze e gli strappi di una politica basata sulla divisione, sulla polemica a tutti i costi e sulla contrapposizione spiccia e mettendo al servizio le competenze delle forze migliori che Siracusa è in grado di esprimere per ritrovare e contagiare amore per la nostra terra, orgoglio di appartenervi e rispetto di tutti i cittadini”.

© Riproduzione riservata
Share


Articoli correlati: